Interrogazione sulle gallerie di Francavilla

Oggi i deputati del M5S Vacca, Colletti e Del Grosso hanno presentato un‘interrogazione al Ministero dei Trasporti  in merito alla vicenda delle gallerie di Francavilla (variante SS16), per le quali a soli 6 anni dall’inaugurazione, e dopo altri interventi già effettuati, i cittadini dovranno sborsare 2 milioni di euro per eseguire dei lavori a causa di problemi strutturali. Vogliamo sapere se ci sono e di chi sono le responsabilità: quest’opera è costata quasi 200 milioni di euro, e, oltre ad essere subito risultata pericolosa per la sicurezza a causa della doppia corsia, ha immediatamente manifestato problemi strutturali a causa di continue infiltrazioni di acqua all’interno, richiedendo interventi di manutenzione praticamente subito dopo la sua inaugurazione. 
E poi è giusto che gli interventi vengano pagati dal pubblico, e non dall’impresa che ha effettuato i lavori (Toto, l’amico di tanti politici nostrani a cominciare da D’Alfonso), nonostante l’opera sia recentissima? Ci sono stati degli errori? Se sì di chi, dell’Anas o dell’impresa? 
Su quest’opera vogliamo fare chiarezza, e non escludiamo oltre all’interrogazione di attivare altri percorsi di controllo e verifica di questa vicenda.
 
Qui il testo dell’interrogazione:
 
 

VACCA, Colletti, Del Grosso. — Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. — Per sapere – premesso che:

 

I quotidiani abruzzesi in questi giorni riportano notizie su annosi problemi nelle gallerie della variante della Statale 16 compresa tra Pescara e Francavilla al Mare (CH);

 

nelle gallerie in questione è presente acqua, detriti, pozzanghere stagnanti e sfondo sdrucciolevole e liscio che mette in pericolo i mezzi in circolazione;

 

sono anni che gli allarmi lanciati vengono minimizzati e si susseguono le rassicurazioni e i lavori di manutenzione della durata di qualche giorno;

 

le infiltrazioni d’acqua sono costanti nel tempo e aumentano i rischi alla circolazione;

 

trattandosi di infiltrazioni di una certa entità probabilmente non siamo di fronte a problemi di manutenzione ordinaria ma a criticità strutturali;

 

le gallerie sono state inaugurate nel 2007: la San Silvestro della lunghezza di 3600 metri e Le Piane della lunghezza di 1900 metri entrambe a doppio senso di marcia;

 

il costo per la realizzazione dell’intera variante si aggira intorno ai 180 milioni di euro;

 

nel mese di agosto l’Anas abruzzese ha emesso un bando del valore di quasi 1,7 milioni di euro per il risanamento strutturale e la messa in sicurezza delle gallerie;

 

già durante la fase di realizzazione delle gallerie la società appaltatrice, la TOTO SPA aveva riscontrato problemi non previsti in fase di progettazione a causa delle caratteristiche meccaniche dei terreni difformi dalle previsioni; tali problematiche hanno fatto lievitare il costo dell’opera di svariati miliardi di lire;

 

durante la fase di realizzazione sono state necessarie opere aggiuntive che permettessero la reale fruizione della variante: infatti non erano stati previsti gli svincoli di ingresso e di uscita nelle località urbane attraversate dalla variante ed in particolare nel comune di Francavilla al Mare non permettendo la reale fruizione dell’opera pubblica in fase di realizzazione;

 

l’ANAS ha affidato il lavori di realizzazione delle modifiche che permettevano la fruizione della variante alla stessa ditta concessionaria dell’appalto, la TOTO SPA –:

 


quali sono i reali problemi strutturali che riguardano l’opera pubblica in questione e, eventualmente, a quanto ammonta il costo che lo Stato dovrebbe affrontare per sanare i problemi esistenti;

 

quali sono i reali problemi strutturali che riguardano l’opera pubblica in questione, se ci sono delle responsabilità in merito ai problemi che si sono immediatamente manifestati ed, eventualmente, a quanto ammonta il costo che lo Stato dovrebbe affrontare per sanare i problemi esistenti;

 

a chi devono essere imputati i costi di eventuali interventi sulle gallerie tenendo conto che l’opera è stata inaugurata nel 2007.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *