Seconda interrogazione sulle gallerie di San Silvestro

 

 Clicca per vedere l’inchiesta della Rai Abruzzo

 

Schermata del 2015-06-16 123929

 

 

 

Interrogazione M5S ed esposto sulla vicenda delle gallerie
 
 
Dopo l’interrogazione presentata nel 2013 sempre dal M5S e sopo la recente inchiesta giornalistica della Rai Abruzzo (Ezio Cerasi) sulla vicenda delle gallerie Francavilla – Pescara, che ha messo in discussione la stessa risposta del Ministero alla nostra interrogazione di quasi due anni fa, ecco la nuova interrogazione del M5S con la quale si chiede di fare definitivamente chiarezza su questa vicenda da quasi 200 milioni di euro di soldi pubblici. Con questo ulteriore atto parlamentare, molto dettagliato nella ricostruzione degli eventi e delle criticità, chiediamo al ministero dei trasporti di promuovere azioni ispettive anche tecniche per verificare eventuali responsabilità sullo stato delle gallerie e sui lavori fin qui condotti, perché i lavori di manutenzione sembrerebbero non risolutivi del problema ma soltanto dei provvedimenti tampone che eliminano l’acqua dalla carreggiata ma non le infiltrazioni, e infine chiediamo spiegazioni su un’anomala richiesta ‘verbale’ di lavori da parte dell’Anas alla Toto spa, così com’è emerso nell’inchiesta giornalistica da una lettera che l’impresa avrebbe inviato all’Anas il 30 maggio 2006. 
Alla luce dei nuovi elementi emersi, e dei pesanti dubbi sullo stato delle gallerie sollevati dagli esperti consultati dal giornalista Rai, presenteremo insieme all’associazione dei consumatori Codici un ulteriore esposto alla Procura di Pescara, dopo quello del 2013 presentato alla procura di Chieti ma che, da quello che ci risulta, non avrebbe avuto alcun esito.
 
 
Questa l’interrogazione:
 
 
 

 

VACCA, COLLETTI e DEL GROSSO. Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti – Per sapere – premesso che:

 

l’inchiesta giornalistica di Ezio Cerasi sui problemi nelle gallerie della variante della Strada Statale 16 compresa tra Pescara e Francavilla al Mare (Chieti) viene trasmessa dal 9 al 12 giugno 2015 sul TGR Abruzzo della Rai, per sottolineare soprattutto la pericolosa presenza di acqua, detriti e pozzanghere stagnanti sulla carreggiata;

Tale problematica era stata già affrontata dal deputato Gianluca Vacca, il quale presentò l’interrogazione 4-01834 al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti sui problemiin data Mercoledì 4 giugno 2014, proprio relativamente alla situazione emergenza delle gallerie della variante della Strada Statale 16 compresa tra Pescara e Francavilla al Mare;

nonostante i dubbi sollevati e minimizzati da rassicurazioni e promesse di lavori di manutenzione, si sovviene che la presenza di acqua sia dovuta a infiltrazioni costanti nel tempo e pertanto, trattandosi di perdite di una consistente entità, probabilmente non sia da attribuirsi a problemi di semplice manutenzione ordinaria, bensì da riconoscersi in criticità strutturali;

i giudizi di rappresentanti della stessa Anas, raccolti dall’inchiesta giornalistica della Rai, non sono concordanti sulla situazione delle due gallerie: secondo Stefano Liani, direttore centrale nuove costruzioni Anas, il fenomeno non rappresenterebbe una situazione normale. Per Lelio Russo, invece, capo dipartimento Anas Abruzzo, non ci sarebbe nulla di così anomalo e le cause sarebbero da ricercarsi nell’aumento delle piogge e della loro intensità di questi ultimi anni;

nell’interrogazione sopra menzionata si ricordava che:

  • Inaugurazione delle gallerie nel 2007: la San Silvestro ( lunghezza di 3600 metri) e Le Piane (lunghezza di 1900 metri), entrambe a doppio senso di marcia;

  • Costo per la realizzazione dell’intera variante si approssima ai 180 milioni di euro;

  • emissione, a carico dell’Anas abruzzese nel mese di agosto, di un bando del valore di quasi 1,7 milioni di euro per risanamento strutturale e messa in sicurezza delle gallerie;

  • Riscontro da parte della società appaltatrice, la TOTO S.p.a., di problemi non previsti in fase di progettazione a causa delle caratteristiche meccaniche dei terreni difformi dalle previsioni già durante la fase di realizzazione delle gallerie; si evidenzia inoltre come tali problematiche abbiano fatto lievitare il costo dell’opera di svariati miliardi di lire;

  • Necessità di opere aggiuntive durante la fase di realizzazione, che permettessero la reale fruizione della variante: non erano infatti stati previsti svincoli di ingresso e uscita nelle località urbane attraversate dalla variante; in particolare nel comune di Francavilla al Mare. Ciò a danno della reale fruizione dell’opera pubblica in fase di realizzazione;

  • Affidamento , da parte dell’ANAS , dei lavori di realizzazione delle modifiche che permettevano la fruizione della variante alla stessa ditta concessionaria dell’appalto, la TOTO S.p.a;

ai quesiti posti dall’interrogante sulla richiesta dei reali problemi strutturali riguardanti l’opera pubblica in questione, concernenti le responsabilità in merito ai problemi immediatamente manifestati, relativamente alla quantità di ammonto del costo che lo Stato avrebbe affrontato per sanare i problemi esistenti e alla conoscenza del destinatario a cui sarebbero imputati i costi di eventuali interventi sulle gallerie (tenendo conto che l’opera è stata inaugurata nel 2007. “4-01834”), il ministero risponde dichiarando che:

  • Le gallerie «Le Piane» e «San Silvestro» sono state realizzate nell’ambito dei lavori di costruzione della Variante di Francavilla al Mare mediante il congiungimento della variante di Pescara con la variante di Ortona, 1o stralci lotto funzionale, dalla variante di Pescara alla strada statale 263 «vai di Foro»;

  • i lavori sono stati ultimati nel dicembre 2003 e regolarmente collaudati, come risulta dal verbale dell’ottobre 2004, che non ha evidenziato alcun vizio realizzativo;

  • con il passare degli anni si sono manifestate alcune infiltrazioni d’acqua sul piano viabile a causa delle condizioni litostratigrafiche locali particolarmente complesse che hanno reso estremamente variabile la permeabilità dei terreni sui quali insiste l’opera;

  • La galleria «Le Piane», in particolare, attraversa una falda acquifera sostenuta da argille impermeabili del substrato che fungono da «acquiclude» e che la capacità e la potenza della falda varia in funzione degli apporti meteorici e idrici provenienti dalle formazioni sabbiose-ghiaiose sommitali. Il Ministero aggiunge che i fenomeni descritti hanno fatto ritenere che la funzionalità del sistema drenante, realizzato nella citata galleria, sia stata inficiata dal rilascio di silicati trasportati dalle acque di drenaggio che ostruivano i fori della condotta posta sotto l’arco rovescio;

  • per una definitiva soluzione delle criticità riscontrate è stata valutata positivamente la progettazione di un intervento mirato esclusivamente al ripristino integrale dell’intero sistema drenante sottostante la pavimentazione stradale e al rifacimento totale della pavimentazione stessa, senza interventi strutturali in galleria;

  • i lavori, per quanto riguarda la galleria «Le Piane», sono stati consegnati il 19 novembre 2013 dalla società ANAS alla ditta Ricci Guido Srl e sono stati ultimati il 20 febbraio 2013. L’intervento è stato finanziato, per un importo complessivo di circa 2 milioni di euro comprensivo degli oneri di investimento, con le risorse previste dal decreto-legge n. 69 del 21 giugno 2013 e relativa legge di conversione;

  • per quanto concerne, invece, la galleria «San Silvestro», interessata dalle medesime criticità, il ministero informava l’imminente esecuzione di un analogo intervento non appena si renderanno disponibili le relative risorse finanziarie;

alla luce delle risposte ufficiali dell’allora Ministro Lupi, dall’inchiesta giornalistica della Rai si evidenzia un quadro molto diverso e da approfondire sulle responsabilità soggettive riguardo le infiltrazioni di acqua nella galleria. In sintesi è emerso che le dichiarazioni dell’ANAS e del Ministro delle infrastrutture sarebbero state smentite da esperti di geologia e ingegneria.

In particolare, mentre da una parte l’ex Ministro Lupi e i vertici Anas affermano che la geologia dei territori attraversati dai tunnel è particolarmente complessa, dall’altra parte il professor Brozzetti dell’Università d’Annunzio di Chieti, consultando le carte geologiche, illustra invece le condizioni geologiche banali e comuni esistenti sul sito e la scarsa potenza delle falde acquifere. Tesi confermata dall’ingegner Chiarelli, quando dichiara che in altre situazioni geologiche, ad esempio quella delle Alpi, le masse idriche sono davvero potenti e che nonostante ciò le infiltrazioni possono essere evitate. Di tutt’altro avviso, invece, l’ingegner Russo dell’ANAS che afferma che le infiltrazioni sono inevitabili;

lo stesso ingegner Chiarelli evidenzia che le formazioni geologiche su cui insiste l’opera sono molto comuni nel centro e nel sud Italia e non procurano grossi problemi ;

nella stessa inchiesta giornalistica un ingegnere esperto in impermeabilizzazioni alle dipendenze di una nota azienda specializzata in gallerie che opera in campo internazionale, sostiene che sulla fattispecie della galleria di cui si sta parlando ci sono una serie di concause che hanno portato dopo 15 anni ad avere un “colabrodo” che va dall’inadeguata progettazione al risparmio sui materiali utilizzati alla sommaria esecuzione dei lavori. Ciò è confermato visionando il progetto delle gallerie da cui si nota che dalla sezione della galleria è possibile riscontrare che il manto in pvc di impermeabilizzazione si ferma 50 cm sopra il manto stradale e non si spinge al di sotto di esso;

nonostante l’opera sia stata inaugurata nel 2007 e sia costata 170 milioni di euro, si era già a conoscenza delle problematiche legate alle infiltrazioni d’acqua, tant’è che da una lettera di Toto Costruzioni Generali all’ANAS S.p.A. si evince che quest’ultima avrebbe richiesto verbalmente alla TOTO il progetto inerente la risoluzione delle problematiche relative alle infiltrazioni registratesi nelle due gallerie; dalla stessa lettera si deduce che sarebbero stati eseguiti dei lavori per risolvere le problematiche legate alle infiltrazioni d’acqua;

ciò che appare poco chiaro e anomalo, è che la richiesta dell’ANAS di lavori sulle infiltrazioni d’acqua venga fatta verbalmente e non con un documento ufficiale;

ciò che appare evidente è che gli interventi di manutenzione non avrebbero risolto il problema delle infiltrazioni d’acqua;

nonostante ciò il rappresentante dell’ANAS, interpellato dal giornalista, dichiara che i collaudi non hanno riscontrato vizi realizzativi;

dopo i lavori di manutenzione del 2013 nella galleria “Le Piane” per un importo di circa 2 milioni di euro, stanno per cominciare i lavori analoghi nell’altra galleria, “San Silvestro”, per un importo di circa 4 milioni di euro da quello che si apprende dalla stampa;

un comunicato del 12 giugno 2015 sul portale dell’Anas dichiara che la stessa ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale l’esito della gara d’appalto riguardante i lavori di manutenzione straordinaria della galleria “San Silvestro”, situata lungo la strada statale 714 “Tangenziale di Pescara”. L’appalto prevede :

  • demolizione e ricostruzione della sovrastruttura stradale nella galleria;

  • ripristino e/o sostituzione del sistema drenante centrale al di sotto del piano viabile;

  • posa in opera di tratti di rivestimento in lamiera in acciaio inox al fine di intercettare le venute d’acqua dalla calotta e convogliarle nel sistema drenante in modo da eliminare ristagni d’acqua sul piano viabile;

gli interventi sono finalizzati all’innalzamento degli standard di sicurezza per gli utenti in transito lungo la galleria. I lavori sono stati assegnati all’impresa Di Carlo S.p.A., con sede a Casoli, in provincia di Chieti. Il termine stabilito per l’esecuzione dei lavori e’ di 120 giorni dalla data di consegna;

appare chiaro che fare una galleria a regola d’arte, sia in fase di valutazione a livello geologico, sia nella fase di progettazione che in quella di esecuzione significherebbe non avere infiltrazioni d’acqua;

ad avviso dell’interrogante è necessario e doveroso un intervento di manutenzione straordinaria che risolva definitivamente il problema e non soltanto che migliori i livelli di sicurezza stradali;

è evidente che il costo dei continui interventi di manutenzione per garantire la sicurezza stradale ricadano sulla comunità dei cittadini, mentre sarebbe opportuno individuare i reali responsabili;

a giudizio degli esperti interpellati nell’inchiesta giornalistica il problema delle infiltrazioni d’acqua erano risolvibili sia in fase di realizzazione che in fase di manutenzione straordinaria -:

se il Ministro ha intenzione di promuovere azioni che accertino le eventuali responsabilità dei difetti dell’opera, sia per i profili di competenza dell’ANAS quanto per quelli dell’impresa esecutrice dei lavori, anche verificando, attraverso perizie tecniche e carotaggi, la reale consistenza dell’opera;

se l’eventuale richiesta “verbale” dell’Anas alla ditta TOTO del progetto degli interventi inerenti la risoluzione delle problematiche relative alle infiltrazioni registratesi nelle due gallerie, sia una procedura corretta e idonea;

per quale motivo i lavori di manutenzione previsti, per un totale di circa 6 milioni di euro, non sono quelli risolutivi del problema delle infiltrazioni ma solo soluzioni – tampone che, eliminando la presenza di acqua in carreggiata, non risolvono però il problema definitivamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *