Pagherete caro, pagherete tutto. No ddl scuola!

Voi che state distruggendo la scuola pubblica, approvando provvedimenti che neanche Berlusconi ha mai osato proporre;

Voi che state raccontando menzogne, menzogne, menzogne, illudendo i cittadini che non hanno letto il disegno di legge;

Voi che in TV dite che state mettendo miliardi e miliardi sulla scuola, ma invece state continuando a tagliare risorse all’istruzione;

Voi che volete privatizzare la scuola rendendola sempre più dipendente dai finanziamenti di magnati e familiari facoltosi;

Voi che avete illuso, maltrattato, umiliato i precari, strumentalizzandoli e strapazzandoli come se fossero carne da macello;

Voi che avete tolto 300 milioni di euro per la messa in sicurezza delle scuole;

Voi che non assumerete più neanche 100 mila precari a settembre, ma solo una parte rimandando più della metà a chi sa quando;

Voi che continuate a dare soldi alle scuole private mentre i genitori sono costretti a pagare la carta igienica in quelle pubbliche;

Voi che volete creare un sistema di controllo politico delle scuole attraverso la chiamata diretta e i superpoteri ai dirigenti, provvedimenti che solo Mussolini aveva approvato prima;

Voi che volete introdurre corruzione e clientelismo nelle scuole, abolendo qualsiasi spazio democratico, proprio come nei vostri partiti;

Voi che mortificate i docenti con una marchetta elettorale da 500 euro, mentre gli stipendi sono bloccati da anni;

Voi che volete avere deleghe assolute per poter fare chi sa cosa in futuro;

Voi che volete fare insegnare docenti senza abilitazione e far coprire loro le supplenze per tre anni con contratti di apprendistato da pochi spiccioli;

Voi che non sapete neanche cosa sia il merito e la valorizzazione delle risorse straordinarie che già oggi sono nella scuola;

Voi che ascoltate solo Confindustria e i poteri forti e non le proposte di legge d’iniziativa popolare, le proposte di chi la scuola la vive e la fa con passione;

Voi che state facendo tutto questo con ghigliottine, canguri, fiducie cancellando qualsiasi dibattito democratico;

Voi, vergognatevi e ricordate: pagherete caro, pagherete tutto!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *